top of page
  • Immagine del redattorealtrevie

Alla scoperta della Rocca di Pietracassia

Un avventuroso trekking che ci ha portato in Val d'Era, a scoprire una "mofeta", antichi mulini a vento e l'imponente Rocca di Pietracassia, suggestivo presidio medievale.

Una pioggia fine ci accoglie a Orciatico, dopo un caffè ci mettiamo in cammino. Scendiamo di quota e da subito i maestosi paesaggi della Val d'Era di aprono di fronte ai nostri occhi. Riconosciamo Volterra e Lajatico. Continuando il cammino andiamo alla scoperta di un importante fenomeno di vulcanesimo secondario presente in questa zona. Si tratta della Mofeta di Borboi, una pozza naturale in continuo ribollimento, dovuto alla risalita di gas naturali dal sottosuolo, in prevalenza anidride carbonica, ma con una piccola percentuale di acido solfidrico, che riconoscimo :)

Continuiamo a scendere fino a toccare il punto più in basso dell'escursione. Attraversiamo il torrente Fosce, affluente del fiume Era, e cominciamo l'ascesa verso la Rocca. Prima attreversando dei boschi soggetti a recenti tagli, fino a raggiungere il sentiero di crinale.


Dopo un po' di salita eccoci al primo affaccio verso l'altura rocciosa che ospita Pietracassia. La raggiungiamo entrando dalla porta esposta ad est.

Entrare tra queste affascinanti rovine è sempre un'emozione unica. Due cinte murarie difendevano la rocca vera e propria, posta nel punto più alto del massiccio. Mura che non hanno conosciuto battaglie con armi a fuoco, la rocca infatti fu distrutta e abbandonata dal 1434, quando i fiorentini ne decisero lo smantellamento.

Facciamo qui la nostra pausa, con qualche debole spiraglio di sole a riscaldarci.


Riprendiamo il cammino e ci inoltriamo in una cerreta dal fascino particolare con piante di notevoli dimensioni e un'atmosfera unica.

Raggiungiamo il crinale, sfioriamo le pale eoliche di Miemo e cominciamo a scendere di quota. Raggiungiamo ciò che resta di uno dei due mulini a vento che nel XVIII secolo furono costruiti per compensare l'attività dei mulini del Fosce, spesso in secca in estate.

Orciatico è vicino, lo attraversiamo nella sua parte più antica, con scorci e panorami verso la Val d'Elsa e il Vald'Arno stupendi. Il circolino di Orciatico ci aspetta! :)



Ecco tutte le foto:






92 visualizzazioni0 commenti

Iscriviti alla newsletter

Sono interessat@ a:
bottom of page