top of page
  • Immagine del redattorealtrevie

Nei paesaggi di Casale Marittimo

Un sabato pomeriggio alla scoperta delle colline di Casale Marittimo con un Wine Trekking, ospiti dell'azienda agricola Pagani de Marchi.

In un soleggiato pomeriggio di aprile ci siamo messi in cammino alla scoperta di un fazzoletto di terra che regala scorci di paesaggi rurali di suggestiva bellezza. La prima parte dell'escursione ci ha portato a scoprire il sito della tomba etrusca di Casa Nocera, all'interno della proprietà Pagani de Marchi. Oggi abbellita da una iconica corona di cipressi, questa collina negli anni novanta dello scorso secolo ha ospitato gli scavi della sopraintendenza ai beni archeologici che ha portato alla luce 7 tombe di una famiglia aristocratica etrusca che nel VII sec a.C., e per diverse generazioni, controllò i commerci della foce del fiume Cecina, un tempo via di comunicazione con Volterra e con le vicine miniere di rame di Montecatini Val di Cecina.


Poi, salendo leggermente in quota, siamo arrivati a ammirare i paesaggi verso la costa, riuscendo a riconoscere i profili dei rilievi dell'sola d'Elba, di Capriaia e di Gorgona, isole dell'arcipelago toscano.


La strada ci porta ad attraversare i vigneti e parte delle aree di allevamento dei cavalli da corsa di Oliviero Toscani, che da 30 anni ha deciso di trasferirsi in pianta stabile in questo angolo di Toscana, con risultati davvero pregevoli in termini di valorizzazione di un'area rurale un tempo lasciata a se stessa.

Abbiamo chiuso la nostra escursione rientrando tra i vigneti dell'azienda Pagani de Marchi e ci siamo diretti alla cantina, dove Ilaria ci aspettava per una visita e un'ottima degustazione.


I vini, tutti biologici, sono espressione del territorio che abbiamo attraversato. L'azienda, con i suoi 6 ettari di vigneto, ha investito da sempre nella qualità più che in quantità e risultati, dopo i quattro assaggi, sono nella nostra bocca e nel nostro spirito.


Oggi si festeggiavano anche i cinque anni di attività di AltreVie, per questo abbiamo stappato anche una bottiglia di Principe Guerriero, vino di punta dell'azienda, che fa tutti i processi di fermentazione e maturazione in anfora (!) e un affinamento finale in bottiglia.

Un bel pomeriggio insieme!



Ecco tutte le foto:





Comments


Iscriviti alla newsletter

Sono interessat@ a:
bottom of page