top of page

Acque e terre d'Elsa con pranzo in locanda



Un trekking di mezza giornata che ci permette di esplorare “Colle bassa”, come viene chiamata la parte di città di Colle Val d’Elsa e che a partire dal medioevo fu la zona produttiva che ospitò fino a venti cartiere. Gli opifici erano alimentati dal sistema delle “gore”, canali che intercettano l’acqua del fiume Elsa e che garantivano forza motrice per una fase di lavorazione della preziosa carta e che ancora oggi attraversano il borgo di Colle. 


L’escursione poi si sviluppa su strade rurali che circondano il paese con panorami che spaziano verso la Montagnola senese, rilievo che regale le sorgenti del fiume Elsa. 

Passiamo su antiche vie che un tempo furono percorsi di collegamento tra Volterra e Colle, allora importante centro sulla via francigena. 


Chiudiamo l’anello immettendoci nel SentierElsa, riusciamo a percorrere circa metà del sentiero, le abbondante piogge degli ultimi due giorni hanno alzato il livello del fiume e i caratteristici passaggi sulle rocce affioranti il fiume non sono percorribili. 


Chiudiamo l’esperienza mettendoci comodi ai tavoli della Locanda di Berto e Giangio, dove Moira ci accoglie alla grande, offrendoci un ottimo pranzo: con un peposo, specialità della casa, super!

Cristina, una delle camminatrici di oggi, ha compiuto gli anni da poco e insieme a lei festeggiamo, quale migliore occasione per farlo?




Ecco le altre foto:



 

44 visualizzazioni0 commenti

コメント


Iscriviti alla newsletter

Sono interessat@ a:
bottom of page