top of page
  • Immagine del redattorealtrevie

L'avvincente ascesa al Monte Gennaio

Tante le emozioni nell'escursione di ieri Il monte gennaio dal versante nord


L'itinerario non presenta una lunghezza eccessiva. L'impegno fisico è però richiesto per il dislivello di 600mt che nei primi 7km portano in vetta del Monte Gennaio, a quota 1810mt.

La bellezza dei panorami appenninici come puoi vedere dalle foto è stata incorniciata da un meteo molto più autunnale che di fine estate, con una nuvolosità e delle nebbie di crinale dal discreto fascino.


Il primo tratto dell'escursione ci immerge in una notevole faggeta con bellissimi esemplari di piante secolari, in un bosco quest'anno particolarmente fresco, umido e ricco di funghi di ogni specie (tantissimi fungaioli in giro)

A proposito, se non l'hai mai fatto leggi il nostro articolo sulle regole della raccolta dei funghi in Toscana QUI

Lasciando il bosco i vaccinieti (mirtilli) e le praterie di quota ci hanno permesso di allargare lo sguardo verso il Corno alle Scale nel versante emiliano e dopo, verso la valle dell'Orsigna in quello toscano.


Raggiunta la vetta e fatte le foto di rito siamo scesi un po' di quota per il break-pranzo. Recuperate un po' le energie e sorseggiato un caffè, abbiamo ripreso il nostro cammino facendo una breve sosta al rifugio Montanaro, per poi tornare alle auto.

Bravissimi 👏


Ecco tutte le foto:




Comments


Iscriviti alla newsletter

Sono interessat@ a:
bottom of page